Messaggio

Home

Festa della Libertà di Toritto ottobre 2010

Toritto è un piccolo comune che fa parte della città metropolitana di Bari e che si trova in Puglia. Qui nel 2010, tra l’11 e il 12 ottobre, si è svolta una Festa della Libertà che ha rappresentato un’importante pietra miliare nella storia del locale centrodestra. La festa è stata preceduta anche da alcune polemiche.

A quei tempi l’amministrazione comunale era di sinistra, ma le elezioni prossime venture facevano ben sperare per un cambiamento radicale della situazione. L’amministrazione vigente aveva però criticato aspramente la decisione di fare una Festa della Libertà a Toritto, sia per motivazioni economiche ma soprattutto arrogando solo alla sinistra il diritto ad indire delle feste collettive per riunire gli aderenti e simpatizzanti al partito. Di contro, quell’appuntamento ha significato molto per tutti coloro che viceversa all’interno di Toritto aderivano all’area del centrodestra. Buona parte della precedente sconfitta alle urne comunali, difatti, era da addebitarsi alla mancata coesione all’interno del centrodestra stesso, che aveva di fatto consegnato la vittoria alla fazione politica avversa, che pure non aveva un’identità ben definita. In quel momento storico però all’interno del Popolo della Libertà stava avvenendo una storica unione, quella cioè tra Alleanza Nazionale e Forza Italia. In tal modo le forze di centrodestra finalmente si coalizzavano non solo a livello nazionale ma anche locale, permettendo dunque di avere un nuovo impatto e di conferire maggiore forza alla sua azione. La Festa della Libertà del 2010 per Toritto rappresentava il modo per cementare questa nuova realtà, per riunire tutti gli aderenti all’area del centrodestra in un momento di aggregazione che doveva segnare un nuovo inizio in vista del 2011, quando ci sarebbero state le elezioni. Il programma previsto era nutrito e molto interessante, rivolto soprattutto alla riflessione sulle problematiche locali e più in generale del meridione d’Italia. Nella giornata di sabato 11 ottobre 2010 la Festa della Libertà si è aperta nel pomeriggio, a partire dalle ore 17:30, dislocando i suoi stand tra Piazza Vittorio Emanuele e Piazza Aldo Moro. L’esordio è stato all’insegna del patriottismo. Dopo aver assistito all’esecuzione di alcuni brani tratti dalle opere di Giuseppe Verdi, tra cui il “Nabucco”, da parte del Concerto Bandistico “Lucarelli-Caraccia”, c’è stato infatti il saluto al Monumento ai Caduti. A seguire, uno dei momenti più caldi di tutta la manifestazione, ovvero l’incontro intitolato “Forza Italia e Alleanza Nazionale verso il Popolo della Libertà”. A dirigere l’evento sono stati l’onorevole Antonio Distaso, coordinatore regionale del PDL-FI, e il dottor Tommy Attanasio, presidente provinciale AN-PDL. La serata è proseguita con l’inaugurazione della locale sede del Popolo della Libertà, e poi la serata è proseguita con musica e balli. La giornata seguente, domenica 12 ottobre, la festa ha avuto inizio fin dal mattino, con l’apertura degli stand e del mercatino; ci sono poi stati dei momenti di intrattenimento dedicati alle attività sportive e alle vespe d’epoca. Più tardi nel pomeriggio si è svolto un altro importante incontro, “Il futuro del mezzogiorno tra federalismo fiscale e sviluppo economico” con la senatrice Adriana Poli Bortone, coordinatrice regionale AN-PDL. La serata si è conclusa anche in questo caso con canti e balli. La Festa della Libertà di Toritto ha segnato uno dei momenti più significativi di quel momento storico del PDL, quando Alleanza Nazionale e Forza Italia avevano trovato infine un accordo comune rendendo più forte la coalizione.